EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

134.854
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Fare soldi: 2 semplici regole

Fare soldi è un problema come gli altri: quando capisci il meccanismo, hai trovato la soluzione. Un articolo sulle regole da rispettare per fare soldi.

fare soldi

“Se non sei in grado di fare soldi con 1 $, non sei in grado di fare soldi neanche con 100.000 $.”

E. S. Kinnear.

Se sei alla ricerca di metodi facili per fare soldi, non leggere oltre: perderesti tempo. Ci sono decine di siti internet che vendono mirabolanti sistemi per fare centinaia di euro in pochi giorni. Funzionano? Assolutamente sì, ma solo per chi li ha ideati.

Per quanto mi riguarda, ritengo che migliorare la propria situazione finanziaria significhi migliorare il proprio approccio ai soldi. Per cambiare la tua mentalità non hai bisogno di trucchetti, falsi segreti o metodi da piazzista, quello di cui hai veramente bisogno è capire i meccanismi che ti permettono di fare soldi. Ecco 2 semplici regole da cui iniziare.

1° Regola per fare soldi: quando lavori, lavora per costruire un sistema

Lavorare, dedicare il proprio tempo ad un’attività, implica una scelta: puoi decidere di lavorare per i soldi, o puoi decidere di lavorare per creare un sistema che ti permetta di fare soldi. La differenza è abissale.

Quando lavori solo per riscuotere lo stipendio a fine mese, non sei altro che un ingranaggio del sistema ideato da qualcun altro. Se decidi di uscire da quel sistema o se sei costretto ad uscire da quel sistema, ne perdi automaticamente i benefici.

Al contrario, quando lavori per capire e carpire come funziona il sistema di cui fai parte, e contemporaneamente, impari ad ideare tuoi sistemi, da semplice ingranaggio ti trasformi in forza propulsiva, in grado di creare valore (e quindi fare soldi), per te e per gli altri.

Queste parole ti sembrano un po’ troppo fumose? Passiamo agli esempi pratici. Eccoalcuni sistemi per fare soldi che hanno ripetutamente dimostrato la loro efficacia negli ultimi secoli:

  • Realizza un prodotto e vendilo ad un prezzo superiore rispetto al suo costo. Beh… questo è un settore un tantino competitivo, ma a volte anche prodotti molto semplici possono avere un enorme successo: ricordi i braccialetti di gomma colorati?
  • Commercia un prodotto e vendilo ad un prezzo superiore al suo costo. Mai sentito parlare di e-bay?! Qui trovi centinaia di esempi di persone che fanno soldi rivendendo prodotti altrui.
  • Fornisci un servizio ed applica una tariffa. Sei esperto in qualche campo? Fatti pagare una consulenza.
  • Metti a disposizione una risorsa che può essere utilizzata da molte persone e fai pagare l’accesso. Hai presente una palestra? Mai andato in una discoteca? E cosa mi dici delle festicciole universitarie a 10€ ad ingresso?
  • Offri un servizio continuativo e fai pagare un abbonamento. Hosting per siti internet, informazioni per investire in borsa, suonerie per i cellulari, sono alcuni esempi di servizi offerti in abbonamento, che garantiscono un flusso costante di entrate.
  • Crea un’opera di ingegno e riscuoti le royalties. Anche se non ti chiami Dan Brown, puoi fare soldi vendendo libri. Grazie agli e-book, scrivere, pubblicare, e vendere un proprio libro è diventato estremamente semplice.

Ma creare un sistema non è sufficiente per rendere solida la tua libertà finanziaria. Una volta imparato ad aumentare le tue entrate, devi fare attenzione a come spendi i tuoi soldi…

2° Regola per fare soldi: quando compri, compra delle attività

In contabilità esistono 2 concetti fondamentali. Le attività e le passività.

Puoi trovare una definizione molto precisa di attività e passività alla voce stato patrimoniale su Wikipedia. Per quanto mi riguarda, penso che questa seconda definizione sia molto più intuitiva:

  • Un attività è qualcosa che ti mette i soldi in tasca.
  • Una passività è qualcosa  che ti toglie i soldi dalle tasche.

Per fare soldi devi imparare ad investire la maggior parte dei tuoi risparmi in attività, ovvero acquisti in grado di generare entrate di denaro.

Questo significa ad esempio (e mi rivolgo alle signorine) che quando hai dei soldi extra, puoi decidere di spenderli per acquistare una borsa di Gucci (passività), o per acquistare Gucci in borsa (attività). Lo stesso concetto vale anche per i maschietti: invece di spendere i tuoi soldi in macchine, cerca macchine per fare soldi. La differenza è abissale.

Ehi… non ti sto consigliando di rinunciare ai tuoi sfizi: adoro acquistare belle cose, si tratta solo di rispettare la giusta sequenza. Per quanto mi riguarda, preferisco investire i soldi extra in attività e solo successivamente utilizzare i rendimenti di queste attività per soddisfare i miei desideri.

Ma passiamo agli esempi pratici. Ecco una lista di attività in cui dovresti investire le tue entrate extra:

  • Immobili. No, la prima casa non vale! La prima casa è una passività: la casa che acquisti per viverci non genera soldi, ma te li toglie (molti) dalle tasche (mutuo, bollette, manutenzione, etc.). Gli immobili che generano soldi sono quelli da cui ricavi un affitto e quelli che acquisti e rivendi ad un prezzo maggiorato.
  • Azioni. Arricchirsi velocemente in borsa è un falso mito venduto a 1.200€ a corso da venditori di fumo. Fare trading di azioni è un’attività imprenditoriale a tutti gli effetti e come tale necessita di formazione, esperienza, talento e comporta rischi, potenziali perdite e ricavi incerti. Ma affrontare questa attività nella giusta ottica e con gli strumenti adeguati può garantire notevoli soddisfazioni.
  • Educazione. E’ stato più volte dimostrato che un’educazione di qualità è il miglior viatico per una carriera di successo. Negli Stati Uniti c’è addirittura chi si è preso la briga di calcolare il ritorno sull’investimento degli MBA. Ma non devi per forza spendere centinaia di migliaia di euro per ottenere risultati dalla tua educazione. A volte anche un semplice libro può aprirti porte inimmaginate.

Quelle elencate sono le più comuni attività in cui investire, ma le possibilità sono infinite. Per capire se stai investendo in un’attività o in una passività, ricordati sempre la semplice definizione di cui ti ho parlato all’inizio dell’articolo: mi mette i soldi in tasca o me li toglie dalle tasche?

Tu come spendi i tuoi soldi extra? Acquisti attività o passività?

Foto di Cayusa

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 134854 iscritti
Sarai dei nostri?
  • Ottimi consigli :)
    Sono interessato ai punti 3 e 5 e mi attrezzerò a realizzarli ;)
    Ti farò sapere ovviamente se otterrò buoni risultati. Per il punto 6, secondo me, si ottengono maggiori successi se l’ebook è in inglese.

  • giuliano

    Carissimo Andrea,
    hai mantenuto la promessa! GRAZIE!
    Spunti sempre estremamente interessanti; se posso permettermi (non so se sono contro qualche legge nello scirevere ciò) consiglierei un bel sito http://www.beppescienza.it
    Tutto quello che si può produrre con i consigli che hai suggerito, è giusto farli fruttare al meglio e non lasciarli nelle mani dei “soloni” dell’economia.
    Grazie di cuore e buona giornata!

  • @Daniele,

    Ciao, fammi sapere, mi raccomando. Per quanto riguarda l’ebook in inglese non saprei dirti: che io sappia, anche quelli in italiano hanno avuto ottimi risultati.

    Andrea

  • @Giuliano

    Ciao, ben tornato. Nel prossimo articolo parlerò della seconda regola, che ha proprio a che fare con gli investimenti. Grazie per il link: apprezzato.

    Andrea.

  • Pasquale

    Concordo su ogni punto! Adesso non ci/vi tocca trovare il modo…buon lavoro! :)

    A presto
    Pasquale

  • Bell’articolo, complimenti!

    Io cerco di ragionare proprio in questi termini. Mi è piaciuto molto il concetto di Lavorare per soldi o lavorare per creare un sistema per fare soldi.

    Personalmente ho scritto un ebook e offro consulenze, ma l’obiettivo è ancora lontanissimo…

    Ciao
    @Massimo

  • @Pasquale

    Grazie per il commento ed in bocca al lupo. Andrea.

  • @Massimo

    Ciao Massimo, benvenuto nel blog.

    Personalmente ho scritto un ebook e offro consulenze, ma l’obiettivo è ancora lontanissimo…

    In questi giorni ho riflettuto proprio su questo punto:
    Chi ha studiato all’Università ha investito in media 20 anni della propria vita per iniziare a guadagnare qualche centinaia di euro come stagista.
    Eppure quando si tratta di cercare sistemi alternativi per fare soldi allora vogliamo tutto e subito.

    Penso che creare valore e trasformare questo valore in un’entrata costante necessiti impegno, costanza e disciplina… in alternativa c’è sempre il superenalotto! ;-)

  • Certo Andrea!

    Quando ho scritto:

    “l’obbiettivo è lontanissimo”

    non intendevo lametarmi, ma sottolineare che non è per nulla facile creare valore e ci vuole tempo e dedizione.

    Ciao
    @Massimo

  • Eh già, la riflessione di cui ti ho parlato era più diretta a me che a te ;-)

    Buon weekend,
    Andrea.

  • Come sempre articoli interessanti, chiari e intelligenti. I miei complimenti ancora una volta!

  • Ciao Ottantotto,
    bentornato.

    Grazie per i complimenti.

    Andrea.

  • Andrea

    Sono tutte ottime idee, penso che mi piacerebbe conoscere un buon libro per pianificare un azienda o meglio fare un’analisi della fattibilità per dummies.
    Comunque il tuo sito è proprio interessante,
    ho un libro di quelli che hai pubblicato (detto,fatto!) ed è geniale. Ho provato a metterlo in pratica solo parzialmente (o meglio solo per alcune cose che andavano bene come studente) e devo dire che ha migliorato il mio ordine.

    • Ciao Andrea,
      uhm.. un libro sulla pianificazione aziendale per principianti? Temo di non aver capito bene quali siano le tue esigenze. Se mi dai qualche altro dettaglio forse riesco a consigliarti qualcuno dei libri di testo che ho avuto durante l’università o altre letture personali.

      Grazie per il commento.

      Andrea.

  • Andrea

    Ciao Andrea,
    sei molto gentile.
    Si, in effetti sono stato troppo vago, a me piacerebbe trovare un libro che parlasse dell’e-commerce. Che trattasse le varie questioni legali per iniziare, fare marketing ma anche analizzare i vari mercati, soprattutto le realtà di commercianti che usano l’e-commerce al di fuori dell’ Italia e che parlasse su come strutturare un piano di fattibilità di questo nuovo tipo di attività. Comunque libri che trattano commercio tramite web, economia & altro sono sicuramente graditi.
    Già che ci sono volevo chiederti se sai quanto può essere importante imparare a fare un bilancio a partita doppia per una azienda come un e-commerce.
    In questo momento sono ancora uno studente di chimica (anche se ho avuto una piccola parentesi lavorativa di 3 mesi) che sta finendo gli ultimi esami e sta incominciando a lavorare ad una tesi.
    Ti ringrazio e complimenti per il tuo blog,
    ho letto i tuoi consigli per dare 7-8 esami in un mese e sono buoni.
    A presto,
    Andrea.

  • Andrea,
    perdonami l’attesa, allora:

    Per quanto riguarda tutti gli aspetti pratici mi hanno consigliato (non l’ho letto in prima persona): “e-commerce da 0 a 100” di Lorenzo de Santis. Si tratta di un e-book di Giacomo Bruno. Non sono un loro affiliato, quindi il consiglio non ha secondi fini :-)

    Per quanto riguarda la parte “giuridica” mi consigliano invece: “la disciplina del commercio elettronico” di Lorena Manna.

    In merito agli altri aspetti come il bilancio, ti consiglio di leggerti “il bilancio” era il mio libro di testo all’univ.

    A presto,
    Andrea.

  • Andrea

    Ti ringrazio :)
    Hai pienamente soddisfatto la mia richiesta!
    Buona settimana,
    Andrea.

  • gio

    Ciao se qualcuno cerca 1 socio motivato con idee per realizzare un progetto eccomi!
    mcla.gio1 at tiscali.it

  • Mauro Bertolino

    Buongiorno Andrea. A proposito di denaro, ho letto il libro di Harv Heker sulla mente milionaria. Che ne pensi dei suoi corsi? Perche’ appena leggo le sue parole penso, dentro di me, che sia un millantatore che vuole vendere il suo prodotto! Non voglio pensarlo, mi viene istintivo. Che sia quel modo di pensare “non e’ per noi,pensa ad altro, non ci cascare”?
    E’ pur vero che nel mondo ci sono un sacco di disonesti.
    Una tua opinione mi darebbe piu’ chiarezza, grazie

    A presto

    • Ciao Mauro,
      Per quella che è la mia esperienza, devo ammettere che chi guadagna soldi non si fa molti problemi nello “spingere” ciò in cui crede, mentre chi di soldi non ne vede ha sempre mille remore.

      Ti faccio un esempio pratico e personale: la pubblicità che ho qui nel blog non mi piace e sto cercando un modello di business per toglierla; In passato ho sempre cercato di nasconderla o addirittura toglierla per dei periodi, sicuro che i lettori avrebbero apprezzato: la realtà è che anche adesso con la pubblicità piuttosto invasiva i lettori sono esplosi ed anche le entrate. Molto semplicemente, al di là delle mie remore, i lettori che sono interessati alle pubblicità le cliccano, quelli che sono interessati esclusivamente al contenuto si concentrano su questo o si iscrivono alla newsletter.

      In conclusione fare soldi è una questione di mentalità e se non ne facciamo è perché abbiamo molte convinzioni limitanti a riguardo. Ciò che ora disprezziamo, con il tempo magari lo comprendiamo e lo facciamo nostro.

      Spero di esserti stato utile,
      Andrea.

      • Mauro Bertolino

        Caro Andrea, veramente un grazie di cuore. Hai dato la spiegazione piu’ logica e “libera”. Voglio dire: funziona cio’ in cui credi ciecamente e con tutto te stesso. Questa e’ la mia personale elaborazione basata sulla tua risposta. In fondo, se credi di vendere il ghiaccio ai pinguini, ma lo credi veramente, lo venderai!
        Il tuo blog e’ sempre di grande interesse ed utilita’, quindi avanti tutta!
        Grazie e a presto
        Mauro

  • Grazie a te Mauro;
    io non è che abbia le risposte prestampate e poter riflettere sulle questioni che mi pongono i miei lettori mi aiuta non poco!

    A presto,
    Andrea.

  • roberto

    ciao andrea :) “ti do del tu anche se non ci conosciamo , spero non ti dia fastidio”
    prima di tutto ti faccio i miei complimenti per il blog e per tutti gli articoli che hai pubblicato, alcuni mi sono stati di grande aiuto.
    in questo post si parla di come fare soldi e io avrei un paio di domande da porti.
    nel post tu hai elencato alcuni sistemi per fare soldi e hai spiegato che non bisogna lavorare per i soldi ma costruire un sistema che ti permetta di fare soldi.
    secondo te il network marketing o più precisamente il multilevel marketing può essere un sistema per fare soldi visto che ci sono sempre più aziende che adottano questo sistema e senza grossi investimenti hai buone prospettive di un attività a livello imprenditoriale?
    ovviamente ti faccio questa domanda perchè da circa 3 mesi ho iniziato a lavorare part time proprio per una di queste aziende tra l’altro la più famosa però non mi va di fare nomi.
    un altro fenomeno che vedo in aumento e purtroppo mi ha contagiato è quello del trading , ci sono sempre più siti su internet dove ti propongono corsi di trading nel forex indici commodities ecc…. i vari bardolla e company.
    per adesso ho iniziato a leggere un libro e più avanti vorrei fare un corso .
    cosa ne pensi del trading , cioè potrebbe essere un valido strumento per raggiungere la liberta finanziaria?
    con questo ti saluto:) e ti ringrazio ancora!
    a pèresto
    Roberto

    • Ciao Roberto,

      per quanto riguarda il multilevel marketing non saprei darti un feedback: è un’attività che non conosco. Non sei il primo che me ne parla qui nel blog o privatamente… ma non ho mai capito se me ne parlassero perché ci credevano veramente o perché dovevano vendermelo! ;-)

      sul trading riesco invece a darti un opinione di “prima mano”. Faccio trading da ormai 5 anni e ho capito un paio di cosine:

      – il trading non può essere una fonte di reddito alternativa: se credi di leggerti un paio di libri ed investire 1.000€ nella convizione di moltiplicarli nel giro di pochi mesi sei fuori strada. Devi dedicare al trading una somma che sei disposto a perdere, anzi che VUOI perdere. Lo so, sembra controintuitivo, ma se impari a chiudere le operazioni quando vanno chiuse (stop loss), se impari a sopportare lunghi periodi di draw down (perdite consecutive) senza mollare i trading system in cui credi, forse e dico forse diventi uno di quel 5% di trader che non perdono soldi in borsa.
      – nel trading la tecnica conta un 30-40%: quello che conta veramente è la disciplina; ecco perché questa pratica mi affascina così tanto. Sul serio, non mi considero un esperto, ma per quello che ho capito, potresti buttare nel cesso tutti i libri e le teorie di trading e costruire un trading system basato su una monetina: lanci una monetina ogni giorno alle 11:00 del mattino. Se è testa vai long, se è croce vai short e poi ti dai delle regole di money management ferree: se perdi il 2% chiudi, se guadagni il 5% chiudi. Ti assicuro che il trading è tutto qui… regole feree rispettate ogni giorno ed in ogni condizione… quando tutti vendono sotto effetto del panico, quando tutti comprano sotto effetto dell’euforia, quando ci sono giornate piatte… insomma sempre. Un ultimo consiglio se mi permetti… lascia stare i corsi dal vivo… nel trading c’è un detto:

      Chi sa operare, opera.
      Chi non sa operare, insegna.
      Chi non sa insegnare, fa consulenza.
      Chi non sa fare consulenze, gestisce patrimoni.

      A presto.
      Andrea.

      • Andrea

        Stavo giusto cercando qualche commento sul trading, e come si dice..chi cerca trova!Premetto, io sono un trader e attualmente faccio questo e nient’altro; quindi opero sia in day trading che in trading di posizionamento nel medio periodo.

        Ovviamente Andrea cio’ che hai detto è correttissimo, tuttavia volevo specificare alcune cose.
        Avere un metodo profittevole è importante (quindi entrate/uscite), che pero’ sia superiore al 50% di profittabilita’!diciamo che un 70% va benissimo (ossia 7 operazioni giuste su 10!) e il resto lo fa il rapporto rischio rendimento!Se si studia molto e si ha un buon metodo, sono percentuali assolutamente raggiungibili anche in intraday!Verissimo il fatto che la psicologia fa il 70% dei risultati, perchè come sai avere delle regole non significa rispettarle automaticamente, e nel trading questo discostamento è incredibile!

        Non sono molto d’accordo sulla frase finale, è un po’ una generalizzazione; premetto, i corsi dal vivo DI SOLITO sono delle fregnacce, soprattutto…quelli di un wee o di 3 giorni..mi fanno sorridere!Come al solito il trading viene venduto come “cosa facile e immediata”, mentre c’e’ molto lavoro da fare, soprattutto su stessi piu’ che sui grafici e va impostata come una vera propria ATTIVITA’ IMPRENDITORIALE, come un altra.
        Tuttavia, io ho imparato su internet tramite videocorsi e un trader professionista (15 anni sui mercati), e ti dico che lui sa operare e mooolto bene e lo insegna agli altri. Inutile dirti cosa vuol dire voler portar valore alle persone, se sai fare qualcosa…poi certo, ci sono molti individui per i quali quella frase che hai scritto e’ piu’ che corretta!Ma non e’ sempre cosi’.

        Un saluto,
        Andrea

      • Ciao Andrea,
        considera che questo articolo (ed il commento) è un po’ datato ormai e non è mia consuetudine rimanere fermo nelle mie opinioni, soprattutto quando cresco ed apprendo nuovi punti di vista.
        Detto questo, è vero, si può vivere di solo trading, ma personalmente non lo farei: preferisco costruire molteplici fonti di reddito passivo. La trovo una strategia molto più efficace e sicura, anche del lavoro dipendente.

        Sul metodo ci sono TS profittevoli anche con un rapporto win/loss del 40-50%, naturalmente è tutta questione di come tari stop loss, take profit etc. Insomma di come gestisci la posizione.

        Per quanto riguarda l’ultima frase, naturalmente si tratta di un detto e quindi di una generalizzazione, ma come in tutti i detti c’è un bel fondo di verità ;-)

  • ilprofeta1

    Andrea, belle parole le tue però sono soltanto parole infatti non hai mai menzionato una cosa fondamentale e cioè il destino. Tu fai ciò che fai per destino e non per capacità quindi non è affaqtto vero che chiunque si applica ottenga gli stessi tuoi risultati. Non è vero che la gente si fa dal nulla, è vero che quelle persone erano destinate a diventare ciò che sono perchè tutto fa parte di un disegno di cui ogni persona ne realizza un pezzetto ma senza saperlo.

    • Questa è una TUA convinzione estremamente limitante. Come per i risultati, anche per le convinzioni io credo che la responsabilità sia nostra al 100%. Quella del destino è la scusa preferita dei frignoni.

  • pietro

    non per essere un pò guasta feste, ma il miglior modo per avere i soldi e poterli contare è risparmiare !!!

    • abdoul

      ma dai pietro

  • Alper

    Ciao Andrea, complimenti per il blog.
    Mi ritrovo a dover chiederti un consiglio, perché non so come agire.
    In sostanza ho avuto una brillante idea per un applicazione per cellulari. Credo davvero che sia un idea bellissima, e ho verificato pure che non sia stato inventato. Ora come posso fare per appropriarmi dell’idea, così da poter prendere meriti e anche soldi, senza che qualcun’altro possa rubarmela? Come posso farla sviluppare senza farmela rubare? È davvero un idea che sono sicuro sarà di successo… Ma non so come fare… Aspetto un consiglio :) grazie. Buona serata

    • Premetto che non sono un esperto di brevetti etc, ma credo non ci sia brevetto che tenga: se qualcuno intuisce la potenzialità della tua idea, modificherà qualcosina e la lancerà comunque. Un’idea potrebbe essere quella di mettere un’impronta digitale sull’idea. Creare una landing page su internet che lanci l’app, raccogliendo le email di chi è interessato. Nella pagina potrai inserire una descrizione di alto livello dell’app. Guarda per esempio cosa hanno fatto quelli di mailbox. Ancor prima di completare la app hanno lanciato il sito, permettendo agli utenti interessati di prenotare la loro copia… solo dopo alcune settimane hanno lanciato la app vera e propria e la lista di attesa è molto lunga.

      Tradotto, io non mi concentrerei troppo su soluzioni legali, quanto su soluzioni di “marketing” (chiamiamole così).

      Per quanto riguarda lo sviluppatore che te la realizzerà, fagli firmare un NDA, un Non Disclosure Agreement; ma anche qui, purtroppo non riesco a fornirti i dettagli.
      Andrea.

  • Alper

    Grazie!!! :) Sei un mito :)

  • mounir

    grazie per tutte queste informazione sono tutte utili per la vita
    ma io ora sono senza lavoro nn posso metterli in pratica comuque
    sono un programmatore macchine utensili esperto chiedo per favore se qualcuno puo aiutarmi di farmi sapere contattandomi con email

    • Ciao Mounir,
      mi spiace saperti in questa situazione, vorrei poterti essere di aiuto, ma i clienti con cui lavoro come consulente non appartengono al settore metalmeccanico.

      Mi spiace davvero.
      Andrea.

  • mahli

    Andrea, scusa ma quale caspita di corso suggerisci “Cerchia Ristetta” ??
    devo fare soldi io, non loro, solo per il profilo Gold chiedono 97 eur al mese, e per il Platinum solo 497 il primo mese e 297 per i successivi ??? chi fa soldi qui ??? loro non certo io …. NON mi ci iscriverò maiiii e ho visto che non solo l’unica a pensarla così.
    Vedi url Cerchia Ristretta e Yahoo Answer e link all’interno dell’articolo!
    Andrea, che delusione questo articolo e questo tuo suggerimento, veramente che GRANDE DELUSIONE. mahli

    • Ciao Mahli,
      mi spiace sempre leggere questi commenti ed averti delusa. Cerco di gestire il blog con schiettezza, sincerità ed onestà e anche se capisco che tra centinaia di migliaia di lettori è naturale che qualcuno sia critico, è sempre un peccato ricevere questi commenti.

      Detto questo, cerco di risponderti sul punto. Conosco decine di blogger e lettori di EfficaceMente che sono iscritti a Cerchia Ristretta. È la pillola magica che risolverà ogni tuo problema finanziario? Certo che no, ma è un ottimo programma per chi parte da 0 e non ha tempo da perdere. Il link che hai postato è una vecchia conoscenza: lo avevo gia letto. Ognuno naturalmente ha la sua opinione e va rispettata, ma le opinioni vanno pesate. Su internet trovi tutto ed il contrario di tutto. Io personalmente amo prendere lezioni da chi su Internet ha ottenuto risultati e non da chi utilizza la rete per sfogare le proprie frustrazioni o delusioni.

      Spero di essere riuscito ad esprimere al meglio la mia posizione. Naturalmente se in futuro riuscirai a trovare delle strategie di crescita finanziaria che non richiedano investimenti di tempo o di denaro e ti andrà di condividerlo qui nei commenti, sono certo che sarà di grande utilità per tutti i lettori.

      Andrea.

      • mahli

        GRAZIE Andrea della risposta ma parlando franco e schietto, con Cerchia Ristretta SPENDI un BOTTO subito e le informazioni di costruzioni di siti e blog si trovano anche più economicamente, si parla ben di eur 97 mensili e di 497 e 297 a seconda del profilo ! e tutti questi soldini dove uno spiantato dove li trova ? nel pentolone degli gnomi alla fine dell’arcobaleno ? e comunque restano inspiegato le “causalità” delle domande e risposte su Yahoo ….. scusa, ma se Cerchia Ristretta, mi aiuta a fare soldi non me li dovrebbe chiedere prima o quanto meno NON ne dovrebbe chiedere così tanti e soprattutto che mi spieghino la ratio del prezzo, come del resto hai fatto tu spiegando da dove deriva il prezzo di START! quella sì bella azione …. ma Cerchia Ristretta PROPRIO NO. Le informazioni di costruzioni di siti e blog si trovano anche più economicamente, anche nei libri disponibili in biblioteca …. un esempio facile facile: Blog per Negati disponibile sia in Biblioteca Braidense che in Comunale a Milano a costo ZERO ……
        Mi sono presa la briga di scrivere perchè ci sono rimasta DAVVERO DAVVERO MALE, considero il tuo blog interessante e apprezzabile, ma l’indicazione di visitare Cerchia Ristretta è stato davvero una BRUTTA sorpresa … proprio perchè le loro cifre di iscrizione sono innegabilmente alte per informazioni e materiale anche diversamente reperibile a costo zero … va beh .. che dirti, saluto e alla prossima lettura. mahli

  • Gianluca

    Se mi assicuri che vale davvero la pena spendere 100 euro al mese per Cerchia Ristretta mi ci iscrivo anch’io!

    • mahli

      ciao Gianluca aggiungi anche altro commento precedente [GRAZIE Andrea della risposta ma parlando franco e schietto, con Cerchia Ristretta SPENDI un BOTTO subito e le informazioni di costruzioni di siti e blog si trovano anche più economicamente, si parla ben di eur 97 mensili e di 497 e 297 a seconda del profilo ! e tutti questi soldini dove uno spiantato dove li trova ? nel pentolone degli gnomi alla fine dell’arcobaleno ? e comunque restano inspiegato le “causalità” delle domande e risposte su Yahoo ….. scusa, ma se Cerchia Ristretta, mi aiuta a fare soldi non me li dovrebbe chiedere prima o quanto meno NON ne dovrebbe chiedere così tanti e soprattutto che mi spieghino la ratio del prezzo, come del resto hai fatto tu spiegando da dove deriva il prezzo di START! quella sì bella azione …. ma Cerchia Ristretta PROPRIO NO. Le informazioni di costruzioni di siti e blog si trovano anche più economicamente, anche nei libri disponibili in biblioteca …. un esempio facile facile: Blog per Negati disponibile sia in Biblioteca Braidense che in Comunale a Milano a costo ZERO ……
      Mi sono presa la briga di scrivere perchè ci sono rimasta DAVVERO DAVVERO MALE, considero il tuo blog interessante e apprezzabile, ma l’indicazione di visitare Cerchia Ristretta è stato davvero una BRUTTA sorpresa … proprio perchè le loro cifre di iscrizione sono innegabilmente alte per informazioni e materiale anche diversamente reperibile a costo zero … va beh .. che dirti, saluto e alla prossima lettura. mahli]

  • mahli

    Gianluca ti prego noooo….. vedi mio commento precedente che ti riporto di seguito per pronta lettura [Andrea, scusa ma quale caspita di corso suggerisci “Cerchia Ristetta” ??
    devo fare soldi io, non loro, solo per il profilo Gold chiedono 97 eur al mese, e per il Platinum solo 497 il primo mese e 297 per i successivi ??? chi fa soldi qui ??? loro non certo io …. NON mi ci iscriverò maiiii e ho visto che non solo l’unica a pensarla così.
    Vedi url Cerchia Ristretta e Yahoo Answer e link all’interno dell’articolo!
    Andrea, che delusione questo articolo e questo tuo suggerimento, veramente che GRANDE DELUSIONE. mahli]

  • Mahli, ho capito, ma non è che ti ho puntato una pistola alla testa e ti ho detto di iscriverti! XD
    Mi spiace aver deluso un lettore, ma il mio obiettivo non è far felice o deludere i lettori, il mio obiettivo è dare consigli pratici. Punto.

    Non sono il bodyguard di Cerchia Ristretta, io difendo i miei prodotti, gli altri, se li ho apprezzati, li condivido, ma sicuramente non sto a fare il responsabile marketing di nessuno. Comunque tagliamo la testa al toro, ti faccio una domanda secca: tu oggi, grazie ai libri che hai letto in biblioteca e alle altre risorse che si trovano “più economicamente” quanto guadagni grazie al tuo business online?

    Andrea.

  • Ps. ho modificato i link Mahli, quelli che hai inserito rimandavano ad un sito di incontri hard. Mi auguro non sia stato voluto: non intendo censurarti, metti tutti i riferimenti critici a Cerchia Ristretta che desideri, più pareri ci sono e meglio è, ma non mettermi link di spam.

    Grazie.

    • mahli

      non so a che link ti sei collegato tu ma di sicuro non erano quelli che riportavano gli articoli su cerchia ristretta!! mi domando: forse un colpo di spugba a qualcosa di svomodo che non ti piaceva anche se già metti le mani avanti (o la coda di paglia ) e lo neghi preventivamente e snzi incoraggi a piu’ comnenti??

      • Mahli, ho sostituito il link con la ricerca google che rimanda al quel post, in modo che tutti i lettori possano leggerlo e farsi un opinione. Come ti dicevo, il tuo link reindirizza su un sito di incontri hard. Ti ho inviato il dettaglio in privato.

        Andrea.

    • mahli

      ho letto la tua mail e il link che hai messo sotto di reindirizzamento ma ti assicuro che non aggancia nessun sito hard bensi l’articolo che ti ho mandato. vedi tu a questo punto se pubblicarlo sul tuo blog o no. p.s. l’articolo intendo dunque, non il link se ti dirotta ad altro anche se a me non é successo … altrimenti prova a cercare tra gi articoli di italo cillo cosi sei tu che cerchi srnza colkegarti a link

      • mahli

        ho letto la tua mail e il link che hai messo sotto di reindirizzamento ma ti assicuro che non aggancia nessun sito hard bensi l’articolo che ti ho mandato. vedi tu a questo punto se pubblicarlo sul tuo blog o no. p.s. l’articolo intendo dunque, non il link se ti dirotta ad altro anche se a me non é successo … altrimenti prova a cercare tra gi articoli contro italo cillo cosi sei tu che cerchi srnza colkegarti a link cominwue ho riprovato la url é corretta e non dirotta http://www.fuorigioco.eu/2010/12/31/italo-cillo-cerchia-ristretta-e-yahoo-answers/

      • Ho appena verificato, avevi ragione tu sul link Mahli: il problema era sul mio computer, avevo un malware su Google Chrome. Risolto.

        Andrea.

  • mahli

    ho acquistato azione mc donalds 5 anni fa a 53 $ ad azione, oggi la quotazione di mc donalds é pressoché stabile a circa 94 $. ho letto, tra altri, il libro “Warren Buffet l’investitore intelligente -arricchirsi quando gli altri perdono”. ho comprato qualche azione berkshire hataway classe b (ovviamente, perche’ il valore della classe A e’ irraggiungibike) ckasse B che si possono raggiungere e la berkshire ha avuto un rialzo di circa il 12% nel 2013, notizia che puoi trovare sui giornali on line milano finanza e sole 24 ore … mmm altra lettura interessante “strategia oceano blu” di cui notevole il caso delle palestre Curves e molti altri casi descritti … non male x una che legge in autonomia senza spendere un soldo in gruppi ristretti che invece di soldi te ne chiedono

    • Mahli,
      io sono un autodidatta per definizione, fino a qualche anno fa spendevo pochissimo per la formazione e passavo nottate a studiare articoli gratuiti e libri. Sono d’accordissimo con te che, almeno all’inizio, non bisogna spendere centinaia di € in corsi o altro. Gli stessi contenuti gratuiti di EfficaceMente vogliono essere un contributo per chi è appassionato di crescita personale e non vuole spendere 1.500€ per un corso con qualche Guru.

      Detto questo ti ho fatto una domanda molto semplice: Cerchia Ristretta è un corso dedicato ai business online, tu sostieni che con i libri in biblioteca si possono ottenere gli stessi risultati. Bene: quanto hai fatturato nel mese di gennaio con i tuoi business online?

      E’ inutile che mi parli dei tuoi investimenti, complimenti, ma non c’entrano niente con Cerchia Ristretta di cui stavamo parlando.

      Andrea.

      • mahli

        ti ringrazio della rettifica circa la correttezza della url segnalata che non rimanda a siti hard. questo non è da tutti e per questo ti ringrazio. mahli

  • mahli

    beh scusa ma il trading on line perdonami penso proprio che possa rientrare in una definizione allargata di business online… per il resto non ho il tempo al momento tra cass, lavoro, corsi e volontariato x riuscire a costruire e poi seguire un blog come il tuo né purtoppo di scrivere guide. ma x il tempo che ho penso di cavarmela bene … l’uso drlka piattaforma T3 gratito in promozione x pichi mesi x me é stato business

    • Però hai tempo per esprimere opinioni su tematiche (blogging ed info-marketing) e corsi (Cerchia Ristretta) che non conosci e che non hai mai approfondito in prima persona, giusto?
      Ciao Mahli.

      Buona serata.
      Andrea.

  • mahli

    si la domenica sera alle 22.00 ce la posso fare ad avere tempo di leggere e commentare . ricambio pari saluti

  • Nino

    Hai forse letto il libro Padre ricco Padre povero di Kiyosaki sullo sviluppo dell’intelligenza finanziaria?!?! :)
    Un mentore circa la psicologia nel rapporto con il denaro così come T.H Eker autore dell’opera I segreti della mente milionaria.

    • Ciao Nino,
      grazie del commento. Per quanto riguarda Kiyosaki ho risposto in questo commento.

      Eker invece mi rimane un po’ sulle palline ;-)
      Ha un modo di fare business che non mi piace.

      Ho comunque fatto una recensione del suo libro qui.

      A presto,
      Andrea.

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide