EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

135.207
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Investire in borsa EfficaceMente

Come far fruttare i propri soldi adottando un metodo vincente.

“Se passi anche solo 14 minuti all’anno a preoccuparti dei mercati finanziari, hai sprecato 12 minuti della tua vita.”

Peter Lynch.

Nota dell’autore: con piacere pubblico un nuovo guest post di Giacomo Saver, pseudonimo dell’autore del libro “I Segreti Bancari” e dell’omonimo blog.

Peter Lynch, il leggendario gestore di fondi di Fidelity, diceva che investire in borsa senza metodo equivale a giocare a poker senza guardare le carte.

Resto sempre colpito quando mi capita di constatare che gli investitori sono sempre alla ricerca della “dritta” per investire al meglio i loro risparmi senza utilizzare, al contrario, alcun metodo.

Da dove deriva l’abitudine a investire sulla base dei suggerimenti degli esperti?

Dimentica le “soffiate”

Credo che l’italica abitudine sia il retaggio delle vecchie borse valori intese come luogo fisico nel quale gli operatori si incontravano e per mezzo delle “grida” acquistavano o vendevano strumenti finanziari.

In quel contesto, in cui peraltro l’economia italiana era guidata da poche famiglie sotto l’ala protettiva di Mediobanca e di Enrico Cuccia, le informazioni riservate erano importanti. Chi sapeva in anticipo una notizia riservata poteva utilizzarla per trarne un vantaggio personale. Poi la legge sull’insider trading e il passaggio alla contrattazione telematica ha cambiato le cose.

Pensa a quanti operatori, ogni giorno, comprano e vendono titoli direttamente dalle tastiere dei propri pc. Il mercato finanziario non è più un grande salone dove si incontrano un certo numero di persone, ma un luogo virtuale dove si incrociano milioni di operazioni al giorno.

Ora comprendi perché le previsioni e le “soffiate” degli esperti hanno a mio avviso lo stesso valore di un oroscopo. Ci sono troppe persone coinvolte per pensare di prevedere che cosa farà la “massa”.

Adotta un metodo

Quello che invece è fondamentale, è disporre di un sistema di trading, ossia di un metodo di gestione dei tuoi soldi. Tu già ne conosci uno e magari lo hai persino utilizzato. Ma prima di dirti quale sia, lascia che ti evidenzi i vantaggi di operare seguendo un metodo prestabilito.

  • Sarai soggetto a un numero minore di errori cognitivi. Non dimenticare che siamo tutti persone umane, soggette alle emozioni. E che le emozioni sono deleterie per l’investitore, in modo particolare se si chiamano paura, avidità ed ansia.
  • Ridurrai lo stress. Sapere con esattezza che cosa farai e come opererai in concreto ti permetterà di assaporare la dolce sensazione di avere la situazione sotto controllo, in qualunque caso otterrai risultati superiori alla media delle persone, che purtroppo si muovono alla cieca sulla scia del mercato o del settore che ha reso di più nei recenti sei o dodici mesi.

Il più semplice sistema di trading che conosci è il Piano di accumulo (PAC).

Che cos’è l’investimento mensile di una somma fissa di denaro in modo continuo, se non un trading system? Eppure, al di là delle commissioni che gravano su questo tipo di contratto e che puoi evitare, pochi ottengono risultati dai programmi di accumulo.

Il motivo è semplice: quando le cose non vanno come loro vorrebbero, interrompono l’applicazione del metodo. Buffo, vero? Proprio quando il loro trading system si prepara a dare ricchi frutti, gli investitori lo abbandonano.

Ti dico questo per enunciare la regola fondamentale da applicare in qualunque sistema tu decida di utilizzare.

Tutti hanno le capacità intellettive per guadagnare in borsa, ma pochi hanno il cuore ed i nervi saldi per farlo. Una volta “sposato” il tuo trading system, seguilo sempre. Anche se a volte ti fa perdere qualche soldo.

Non divorzieresti mica da tua moglie o da tuo marito solo perché ogni tanto litigate, vero?

Allo stesso modo, segui con fiducia e costanza il tuo sistema di trading. Compra quando ti suggerisce l’acquisto e vendi quando ti propone di smobilizzare. Se il trading system è tarato bene, alla lunga i profitti supereranno le perdite.

Un semplice esempio di Trading System

Il tipo di trading system che preferisco è quello basato sulle medie mobili. Ha il pregevole vantaggio di assecondare i trend e di evitare che i tuoi soldi restino invischiati nei mercati finanziari durante le fasi di forte ribasso. Ma prima di dirti come utilizzarlo, voglio che tu sappia che non sono la soluzione per tutti e per sempre.

Il mercato non sale o scende in modo costante. Spesso fluttua tra un punto di minimo ed un massimo come un’onda. In questo contesto, detto “trading range”, il trading system ti farà compiere operazioni in perdita. Ma il vantaggio di comprare a ridosso dei minimi e di uscire dopo un tempo ragionevolmente breve dopo il punto di massimo, ti ripagherà ampiamente nel corso del tempo.

Compra quando il prezzo del titolo o dell’indice supera la sua media mobile e vendi quando accade il contrario, fissa sempre uno stop loss e rispettalo e otterrai più soldi dai tuoi investimenti di quanto immagini.

Foto di Latente 囧 www.latente.it

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 135207 iscritti
Sarai dei nostri?
  • Va bene il KISS, ma mi sembra che qui esageriamo :D

    Il trading system che proponi genererà troppi falsi segnali o troppo pochi (sia falsi che veri dipende dalla media usata), e non genera risultati sufficienti per ripagare gli scatti dello stop loss (cioè percentuale di vittorie fra 60 e 80%, profit factor superiore a 1,3 e drawdown massimo a 15%).

    Io credo sia necessario avere anche qualche filtro (utilizzando magari non una, ma due medie mobili e/o qualche oscillatore). I due trading system che utilizzo con discreto successo prevedono 1) due filtri temporali e due medie mobili che generano il segnale; 2) un filtro temporale e un oscillatore (segnale generato graficamente). Se, per esempio, al primo trading system togliessi il filtro temporale, secondo le mie statistiche perderei sei volte su dieci. ;)

    In ogni caso, mi sento di consigliare tanto paper trading, prima di giocare con soldi veri, e soprattutto studiare molti testi di psicologia del trading, perché, il più delle volte, più che le medie mobili, gli oscillatori, i trading system, il fattore che ci fa vincere nel trading è nella nostra testa: a chi mi chiede della mia attività dico sempre che con il trading guadagnare è facile, ma perdere è ancora più facile, e va messo in conto che, statisticamente, tra chi comincia a fare trading oggi, solo due su dieci saranno ancora lì fra un anno, e solo fra due anni inizieranno a guadagnare. È un livello di stress notevole, bisogna essere preparati ad affrontarlo ;)

    • Grazie molte del commento Tooby: esaustivo, puntuale ed estremamente importante per integrare le informazioni presenti nell’articolo.

      Andrea.

      • Grazie a te per i tuoi post che generano sempre interessanti riflessioni.

        Spero di fare cosa gradita aggiungendo questo PS, agganciandomi alle deliziose citazioni che inserisci in testa ai tuoi post: un trader che ho conosciuto su Twitter ogni mattina rilascia sul suo blog un aforisma relativo al trading molto bello e utile soprattutto per i trader principianti, poiché spesso e volentieri generano interesse anche in un’ottica di crescita personale. Quelli relativi al 2011 sono qui http://50pipsfx.com/category/11-thought-of-the-day/ (quelli del 2010 sono ovviamente nella categoria “10-thought-of-the-day/ ;) ).

        Buona giornata :)

  • Caro Tooby, grazie per il commento. Concordo appieno con quello che scrivi, ma l’obiettivo di un trading system così rudimentale è solo quello di evitare grosse perdite in caso di crisi.
    Poi sono d’accordo con te nel dire che di certo i falsi segnali ci saranno, ma per il risparmiatore medio utilizzare filtri troppo complessi significa perdere in semplicità.
    Bisognerebbe, ad esempio, verificare la persistenza di un trend, con l’ADX di Welles Wilder, ma questo renderebbe inutilizzabile l’algoritmo per il comune risparmiatore…

  • Massimo

    … ricordiamoci che il “metodo” assomiglia molto al matrimonio, se non lo teniamo vivo cercando di migliorarlo costantemente e con l’attenzione a come evolve finiremo certo con divorziare… divorziare dai nostri soldi. :-))

    quindi tanto paper-trading come consiglia Tooby

  • Corrado

    Ciao,
    anche io, come Tooby, credo che i principi enunciati siano corretti, ma in realtà poi trovare (creare) un TS che sia profittevole e solido nel lungo periodo non è così semplice…

  • giulio

    complimenti davvero per il blog! è stupendo! mi hai fatto tornare il sorriso e la speranza

    • Cioa Giulio,
      grazie sinceramente per questo commento ;-)

  • Salvatore

    Ciao Andrea,
    che libro consiglieresti per chi sa poco o niente sul trading online?
    Ho aperto un conto su Fineco e vorrei provare a guadagnare qualcosina…
    grazie, ciao :)

  • Damiano

    Ciao Andrea, voglio iniziare a studiare qualcosa per il Trading e credo proprio che incomincerò dai libri che hai consigliato, ma ho due domande per te :D

    Esiste online qualche risorsa gratuita dove trovare buone nozioni e consigli?
    E tu, prima di cominciare con il vero trading sei passato da quello virtuale?

    • Il paper trading è fondamentale, ti dirò di più: anche applicando le stesse strategie del paper trading, non otterrai mai gli stessi risultati in reale. Quando giochi soldi veri, scattano dei meccanismi mentali che ti porteranno inevitabilmente ad essere poco disciplinato: il trading è il per il 70% disciplina e per il 30% tecnica.

      Per il resto è un argomento così vasto che ti consiglio innanzitutto di chiarirti le idee su che tipo di trading vuoi fare.

      Andrea.

  • Lorenzo Vannucci

    ciao Andrea io faccio trading ormai da 2 anni,hai dato ottimi consigli per i trader principianti,ma secondo me oltre all’obbligo di creare delle proprie regole di trading ,è essenziale per la sopravvivenza il RISK MANAGEMENT,cioè in media non rischiare mai più del 5% del capitale totale .

    • Alessandro Lago

      Ciao Lorenzo dove ti posso contattare per chiedere una cosa?

    • mahli

      assolutamente fondamentale! GRAZIE Lorenzo

  • Matteo Scorrano

    Ciao Adrea, mi sai dire qualcosa di piu’ sulle tasse e doppie tassazioni sulle azioni negoziate all’estero (sopratutto USA) ? Conviene ? Da quello che io so’ si va’ incontro alla doppia tassazione… pero’ altro lato della medaglia non vedo grossi margini di guadagno in azioni italiane….

  • mahli

    ciao Ragazzi, qualcuno è skillato sui CFD ? GRAZIE

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide