EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

135.204
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Aspettando la svolta

Perché non raggiungiamo mai il cambiamento desiderato ed il segreto delle vere svolte.

la svolta

“Se non ora, quando? Se non io, chi? Se non qui, dove?”

Rabbi Hillel.

Spesso per cambiare vita aspettiamo che tutte le condizioni siano perfette. Spesso per cambiare vita aspettiamo il momento giusto. Spesso per cambiare vita aspettiamo che la vita cambi per noi, insomma… aspettiamo la svolta.

Questo atteggiamento è il terreno fertile in cui germogliano scuseprocrastinazionedemotivazione.

Continuare a raccontare a te stesso che cambierai vita quando: avrai più soldi, sarai più in forma, avrai superato questo momento, etc. è come voler spegnere un incendio controllando le previsioni del meteo.

La verità è che non esiste momento migliore di adesso, persona più giusta di te e luogo più adatto di qui.

Si Andre… belle parole! Ma io sono impantanato! Per quanto ci provi, non cambia mai nulla, anzi: più mi impegno e più la vita sembra accanirsi contro di me. Che mizzica devo fare?!

Stesse azioni, stessi risultati

“Un problema non può essere risolto con lo stesso tipo di pensiero che lo ha generato.”

A. Einstein.

Sai cos’è più stupido del non far nulla per cambiare la propria vita?! Ripetere gli stessi errori aspettandosi risultati diversi.

Aspettiamo ardentemente che le cose finalmente inizino a girare per il verso giusto, dando per scontato che questo dipenda esclusivamente da fattori esterni su cui non abbiamo il minimo controllo. Questa convinzione è talmente radicata in noi che non riusciamo ad accorgerci di una semplice verità. Se le cose non cambiano è perché:

  1. Non stiamo facendo nulla.
  2. Stiamo facendo le cose (errori) di sempre.

Questa consapevolezza è alla base di ogni cambiamento. Solo quando spazzerai via tutte le scuse che soffocano la tua mente ed avrai una chiara consapevolezza di essere responsabile al 100% della tua vita, potrai essere l’artefice della tua svolta.

Mih… è così facile?! E non potevi dirmelo prima Andre?!

No, purtroppo, non è così semplice: la consapevolezza è solo il primo passo del cambiamento. Decine di film hollywoodiani ci hanno illuso che il protagonista di turno, compresa la necessità del cambiamento, raggiunga il successo dopo un breve periodo di allenamento generalmente accompagnato da una bella musichetta motivante.

Beh, nella vita reale le svolte non sono mai così eclatanti, semplici e lineari; ma soprattutto non c’è mai una bella colonna sonora, anzi, i cambiamenti duraturi e permanenti in realtà sono svolte… silenziose.

La svolta silenziosa

Nell’immaginario comune i cambiamenti degni di nota avvengono sempre dalla sera alla mattina e hanno sempre qualcosa di eclatante: pensa agli infomercial in cui vengono pubblicizzati prodotti per il fitness o diete miracolose; ci sono sempre delle belle immagini “Prima e Dopo”… e generalmente prima le testimoni erano dei cessi dell’autogrill e dopo diventano miracolosamente delle modelle di Victoria’s Secret.

Nella mia esperienza le vere svolte sono un po’ diverse:

  • come detto, prima di tutto arriva la consapevolezza.
  • alla consapevolezza segue l’urgenza del cambiamento.
  • solo se le motivazioni sono abbastanza forti inizia il lavoro vero e proprio di cambiamento. Questo generalmente è uno sporco lavoro: non ci da mai i risultati attesi ed i tempi sembrano sempre più lunghi del previsto. Scontrarci con la realtà genera carenza di motivazione e frustrazione.
  • Riuscire a non mollare la presa in questo periodo ed avere fede nel percorso che si è intrapreso sono i veri ingredienti del successo in questi momenti.
  • alla fine infatti arriva un giorno (e ti assicuro che arriva), in cui ci guardiamo indietro: siamo sempre noi, eppure tutto è cambiato. Quello che ci sembrava impossibile è parte della nostra vita. Quello che ci sembrava lontano è ormai alle nostre spalle. Siamo stati in grado di creare la svolta che aspettavamo.
  • Non riusciamo bene a capire quale sia stato il momento in cui tutto è cambiato. Si è vero, ci sono stati momenti in cui abbiamo preso decisioni diverse dal solito, momenti in cui abbiamo fatto leva sulla nostra auto-disciplina, ma la verità è che la svolta è stata silenziosa, ma inesorabile.

Se anche i tuoi cambiamenti somigliano a quelli che ho appena descritto, perché stai ancora aspettando la svolta? Cosa ne pensi? è arrivato il momento di essere l’artefice della tua svolta?

“Se non ora, quando? Se non io, chi? Se non qui, dove?”

Buona settimana.

Foto di imagineerz

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 135204 iscritti
Sarai dei nostri?
  • Patricia

    vero,se mi guardo indietro qualcosa e’ cambiato…..ma se guardo avanti ho ancora da cambiare un mare di cose….pian pianino….infondo ora so dove voglio andare,il che per me e’ gia’ una svolta! Ciao Andrea….

  • Marco Silva

    Sottoscrivo a pieno quello che hai descritto in questo post. Sottolineo invece la difficoltà mia nell’accettare “una chiara consapevolezza di essere responsabile al 100% della tua vita, potrai essere l’artefice della tua svolta.” Semplicemente per i fatto di rendermi conto di non essere solo al mondo. Ho una famiglia, dei figli, degli amici ecc… e se fosse questo stato che mi inibisce? oppure queste sono solo scuse?

  • Questo post, induce ad una profonda riflessione, alla ricerca di sé, per trovare il giusto equilibrio,… per definire gli obiettivi che vogliamo raggiungere in questa vita.

    E’ importante, non rinviare, ma agire ora, per cambiare in meglio la propria vita e non solo.

    GiovanniVolpe.it
    Osservatorio Lavoro. Blog sul lavoro.

  • “Continuare a raccontare a te stesso che cambierai vita quando: avrai più soldi, sarai più in forma, avrai superato questo momento, etc. è come voler spegnere un incendio controllando le previsioni del meteo.”
    Ammazza Andrea! Questa metafora è cruda e colpisce nel segno!! Credo che la utilizzerò anch’io, quando necessario…

    Sono una persona che ha avuto in passato e ha nel presente tante ottime opportunità… ogni tanto non le vedo e non le colgo perché mi perdo nei miei condizionamenti personali…

    Ma poi è sufficiente che mi ricordi o (che mi venga ricordato) che il volante è nelle mie di mani e che la svolta la posso dare io… :)

  • Claudio

    Quello che riporto di seguito è attribuito a Madre Teresa di Calcutta, la prima volta che l’ho letto mi ha fatto riflettere molto, non so se a qualcuno può servire, comunque sia la motivazione al cambiamento deve venire da dentro di noi, e non avviene mai fino a quando non riflettiamo sulla nostra zona di confort, hai ragione la consapevolezza è alla base di tutto. Caro Marco Silva anche te hai ragione penso proprio che siano scuse. Ciao Andrea.
    “Non aspettare di finire l’università,
    di innamorarti,
    di trovare lavoro,
    di sposarti,
    di avere figli,
    di vederli sistemati,
    di perdere quei dieci chili,
    che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,
    la primavera,
    l’estate,
    l’autunno o l’inverno.
    Non c’è momento migliore di questo per essere felice.
    La felicità è un percorso, non una destinazione.
    Lavora come se non avessi bisogno di denaro,
    ama come se non ti avessero mai ferito e balla, come se non ti vedesse nessuno.
    Ricordati che la pelle avvizzisce,
    i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.
    Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
    Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.
    Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza.
    Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida. Finché sei vivo, sentiti vivo.
    Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.
    — Madre Teresa di Calcutta”

    • Tony

      bellissima citazione, molto profonda

  • Amelio

    Che dire, posso solo complimentarmi con questo articolo. Duro e crudo ma sicuramente lascia poco spazio a fraintendimenti :)
    Ma questo articolo presuppone sicuramente il fatto che una persona debba conoscere gia ciò che vuole, molte volte si è ansiosi di cambiare una situazione senza però ben sapere dove dirigersi, e questo è ancora piu’ difficile.
    Per il resto, chapeau.

  • Marco

    Bell’articolo, come del resto tutti gli altri scritti da te.
    Un saluto

  • Francesco

    Grazie

  • Pierluigi

    “Chi fa le cose che ha sempre fatto, otterrà i risultati che ha sempre ottenuto!!”
    Non so chi l’ha scritta o pronunciata..sta di fatto che, da quando ho intrapreso il mio percorso di crescita personale, è una frase che ripeto a me stesso spesso!!
    desidererei conoscerne l’autore.. qualcuno può aiutarmi?

  • GVB1978

    Sono in piena svolta. la verità é che la svolta c’e’ tutti i giorni non é che ci si può sedere sugli allori.

    se sei una persona che ama vivere capisci che il cambiamento é continuo….capisci che da cosa nasce cosa.

    recentemente l’uomo che amo mi ha svelato come riesce a darsi motivazione quando manca e mi ha detto queste parole:
    “Le motivazioni le trovo in quello che vedo e mi circonda, coniugandolo con ciò che io so fare.”

    me la sono appiccicata sul muro sopra il monitor del pc…me la sono appiccicata sulla moleskine perché da quando leggo questa frase sto davvero agendo positivamente verso il miglioramento che voglio che avvenga nella mia vita.

    P.s. Pierluigi, cosa ti importa di chi l’ha detto? quello che conta é il suo significato.

  • Alessandro

    Ti riporto la mia esperienza…
    da anni ho qualche kg di troppo ma ho sempre PROCRASTINATO la famigerata dieta che mi avrebbe dovuto riportare al peso ideale.
    In realta’ ho iniziato piu’ volte e piu’ volte e’ stato un fallimento.
    E’ arrivato il momento in cui ho detto “Basta!” ed ho iniziato seriamente… fortunato anche ad aver trovato un libro che mi ispirasse.
    Sono state due settimane abbastanza pesanti… ma non troppo! HO iniziato a perdere peso e cosi’ i risultati sono stati motivanti per indurmi a proseguire ancora un po’…
    Per quel che mi riguarda sottoscrivo tutto il tuo post. Inutile aspettare… le condizioni ottimali non arriveranno mai!
    La mia dieta (discutibile finche’ vogliamo… compreso il mio medico curante) prevedeva l’assenza totale di frutta e verdura. Io sono goloso di frutta e verdura… e d’estate come si fa a rinunciare a pesche, anguria etc… etc… ?
    Eppure l’ho fatto… anche se per un breve periodo, ed ora va meglio… Ho ricominciato a mangiare frutta e verdura ma sono pronto a ricominciare una dieta ferrea tra qualche tempo. Non sto procrastinando, ma valuto soltanto un sano rapporto costi/benefici che al momento mi consente di gustare la frutta di stagione… e… comunque… di perseguire il mio obiettivo (ho effettivamente abbandonato tutta una serie di cibi “dannosi”).
    In sostanza… Qui e adesso!

    Grande sostanza nel tuo post! Come sempre!

  • giulioz

    “Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di fare, incominciala. L’audacia ha in se’ genio, potere e magia. Incomincia adesso” cit Goethe

  • Tony

    voler spegnere un incendio controllando le previsioni meteo…fantasticoo! questa la metto sotto il cuscino:D
    vorrei capire però in termini pratici, e spero che tu mi aiuti in questo ,come cambiare le azioni e non perdere la motivazione ,HELP..
    a volte riesco a cambiare le azioni ma torno al punto di partenza ottenendo gli stesso deludenti risultati

  • Alessandro

    anni su anni passati a cambiare,a cercare, a provare di dare la famosa svolta e alla fine NON è cambiato niente .. sono balle .. la vita cambia o ha una svolta solo per chi ha questa fortuna,altrimenti la vita diventa il solito disco rotto che suona sempre la stessa musica .. non cambia niente a mai niente cambierà .. purtroppo !! ahimè parlo NON per citazioni MA per esperienza personale.

  • Simo Shingo

    Ho 34 anni e nella vita non ho mai combinato niente: dall’amore al lavoro all’amicizia, sono sempre stato solo e ci stavo bene. Finché non mi sono guardato dentro, senza un motivo apparente. E ho cominciato a capire che ero ridotto davvero male. Nel mio caso la scintilla è stata quella di uscire più di prima (le azioni diverse dal solito) rendendomi conto che, mentre gli altri avevano una vita tutto sommato normale, io venivo sempre scartato ed emarginato. Perché non avevo niente da dire. Quindi ragazzi, il discorso di Andrea non è una balla… il problema è: lo volete davvero? State mettendoci l’anima per arrivare ai vostri obiettivi? Io si, sto andando contro tutte le mie precedenti convinzioni.

  • Rosario Fiume

    Ciao a tutti penso che il succo di quello che scrive Andrea, corrisponda alla realtà. Volere è potere. Io personalmente ho una vita superattiva ( sveglia alle 4.45 e vado a dormire mediamente alle 23) in tutto questo lasso di tempo faccio mille cose lavoro, famiglia, sport nel frattempo ho ristrutturato una casa( che amici e parenti mi davano del pazzo x averla comprata) pensare che non ho mai fatto il muratore. Quello che voglio far capire e’ questo: se guardo indietro mi dico ma hai fatto tutto questo? È stato tutto molto faticoso ma che soddisfazione. Certo che se poi sto a vedere il calciatore miliardario di turno pieno di successo con vetture e donne da capogiro che fanno apparire in tv, in confronto io sono il nulla…. ma guardo sempre il mio punto di partenza , chi ero e in che direzione sto andando.

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide