EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

135.204
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

12 modi per vivere il nuovo anno EfficaceMente

12 strategie di crescita personale per il nuovo anno ispirate agli articoli di maggior successo del 2012 di EfficaceMente.

nuovo anno

“Nessuno può tornare indietro e ricominciare da capo, ma chiunque può andare avanti e decidere il finale”.

Carl Bard.

In questo periodo impazzano le liste di fine anno. I video più visti dell’anno, le parole più importanti dell’anno, gli uomini dell’anno, le canzoni più ascoltate dell’anno, e così via. Ecco, proporti una semplice carrellata di articoli del blog mi sembrava veramente… triste.

Ho pensato allora ad un regalo di natale un pochino più originale: un vero e proprio percorso di crescita personale in 12 passi, ognuno dei quali è ispirato ad un articolo di successo pubblicato su EfficaceMente negli ultimi 365 giorni (ogni azione è direttamente linkata all’articolo in cui approfondire l’argomento). Se anche tu vuoi dare una svolta nel nuovo anno, sono certo che queste 12 azioni ti aiuteranno a partire con il piede giusto. Sei pronto? Andiamo ;-)

  1. Smettila di procrastinare. Quest’anno ti ho fatto una testa tanta sulla procrastinazione e l’importanza di non rimandare a domani i tuo doveri, i tuoi progetti, i tuoi sogni (insomma, la tua vita). Sì, forse sono un po’ fissato con ‘sta procrastinazione, ma smettere di rimandare i miei progetti è stata la chiave di volta nella mia vita, l’abitudine “zero”, quella da cui tutto è partito. Se vuoi dare una svolta alla tua vita ma non sai da dove iniziare, focalizza le tue energie sulla lotta alla procrastinazione: impara a non perderti tra mille distrazioni e a concentrarti solo su ciò che conta veramente. Darai il via ad un effetto a catena che rivoluzionerà la tua esistenza.
  2. Impara come svegliarti bene al mattinoCome pensi di avere l’energia per raggiungere i tuoi obiettivi, se non hai neanche la forza di arrivare al lavandino appena alzato? Il sonno è uno dei bisogni essenziali di ogni essere umano; migliorare il modo in cui dormi (e soprattutto come ti svegli) è essenziale per vivere meglio. Se hai deciso di cambiare vita nel nuovo anno, migliora il tuo sonno. Nell’articolo che ti ho linkato troverai strategie pratiche per svegliarti bene al mattino.
  3. Scopri il potere della gratitudine. Se leggi i post di EfficaceMente da un po’, saprai benissimo che sono un tipo molto pratico, non particolarmente affascinato da discorsi sulle “vibrazioni cosmiche”, “l’amore universale” e così via. Eppure, c’è un’abitudine che ho inizialmente sottovalutato e che oggi, guardandomi indietro, ho compreso aver avuto un ruolo importante nella mia vita. La gratitudine. Rievocare quotidianamente questa sensazione, anche nei giorni più neri, ti aiuta ad avere la giusta prospettiva. Ti accorgi che, nonostante alcune cose non vadano, in fondo ci sono altri aspetti della tua vita di cui essere grato. Scopri che scrivendo ogni giorno sul tuo diario personale 3 cose per cui valga la pena dire “grazie”, lentamente inizi a concentrarti su quello che vuoi nella tua vita, depotenziando quello che non vuoi.
  4. Tira fuori la tua tigna. La convinzione che il talento sia l’ingrediente essenziale del successo è una convinzione tanto diffusa, quanto sbagliata. Se inizi a credere che senza talento non potrai raggiungere alcuna meta ambiziosa, di fatto stai dando al tuo cervello un messaggio forte e chiaro: “lascia stare, non ti impegnare, tanto non serve a nulla“. Il talento insomma è una scusa come le altre. Il mondo dello sport è pieno di esempi di grandi campioni che, grazie ad impegno e professionalità, hanno surclassato i propri compagni più talentuosi. Questo è ancor più vero nel mondo del business. Smettila di farti influenzare dalla favoletta del talento (sì, esiste, ma è sopravvalutato) ed impara ad essere tignoso.  Se vuoi fare una promessa a te stesso per il nuovo anno, promettiti di non mollare mai: quando le persone di talento getteranno la spugna, tu afferrerai lo scettro.
  5. Allena la tua resilienza. La resilienza è l’altra grande dote delle persone di successo. Sviluppare sin da giovane la capacità di resistere a qualsiasi condizione, senza perdere la determinazione a raggiungere i propri obiettivi, è il segreto di chi ce la fa. Questo aspetto caratteriale non è innato: va allenato, come un muscolo. In che modo? Pensa a tutte quelle volte che sapevi esattamente cosa avresti dovuto fare, ma non l’hai fatto. Pensa a tutte quelle volte che avresti dovuto stringere i denti, ma hai mollato. Pensa a tutte quelle volte che avresti dovuto tirare fuori le palle, ma hai frignato.  A proposito di frignoni…
  6. Smettila di frignare. Sul serio, non sto scherzando: frignare non serve a te e non serve alle persone che ti circondano. Lamentarsi non cambia le cose: agire cambia le cose. Smettila di piangerti addosso. Troppo facile interpretare il ruolo della vittima. Pensi che i tuoi insuccessi siano colpa del mondo brutto e cattivo?! Ho una bella e una brutta notizia per te. Prima la brutta notizia: la responsabilità dei tuoi insuccessi è tua al 100%. Ora la bella notizia: la responsabilità dei tuoi insuccessi è tua al 100%. Questo significa che se accetti questa responsabilità, accetti anche che puoi cambiare le cose e che farlo spetta a te. Fatti ancora una frignatina fino alla fine dell’anno, ma poi assumiti le tue responsabilità e agisci.
  7. Impara le regole per fare soldi. I soldi non sono l’unica forma di successo a cui si può aspirare, anzi, forse è tra quelle di più basso valore; sono però contrario a chi demonizza il denaro. Se ti guadagni i tuoi soldi onestamente, i soldi sono un’ottima misura del valore che hai creato per gli altri. Ma se vuoi fare soldi, devi imparare le regole del gioco; sì, perché è di un gioco che si tratta e se ne comprendi il funzionamento, cominci a vincere. Il post che ti ho linkato è oggi l’articolo più letto del blog: al suo interno non troverai soluzioni facili, pillole magiche o metodi “supersicuri” per fare soldi. Troverai però i principi e le regole fondamentali che ho utilizzato e utilizzo con successo nel mio percorso di crescita finanziaria. Se i soldi sono stati il tuo pallino fisso nell’anno appena passato, è arrivato il momento di cambiare la situazione nel nuovo anno.
  8. Smettila di preoccuparti. Siamo continuamente bombardati da mass media che ci riempono di ansie e preoccupazioni: la crisi economica, la disoccupazione, lo spread, l’inquinamento, la fine del mondo! Basta! Preoccuparsi per ciò che non possiamo cambiare ci divora dentro. Inoltre, se continui a preoccuparti, inneschi un circolo vizioso in cui le preoccupazioni alimentano l’inazione, l’inazione è causa dei tuoi insuccessi e gli insuccessi generano in te nuove preoccupazioni. Fatti un regalo per il nuovo anno: abituati a non preoccuparti.
  9. Impara a studiare meno, studiando meglio. Storicamente, gli studenti sono sempre stati tra i lettori più affezionati del blog. Non è un caso. Ritengo lo studio un eccezionale strumento di crescita personale. Ma non basta studiare per progredire nella vita, bisogna saperlo fare… EfficaceMente. Scegli per il nuovo anno di acquisire e perfezionare il tuo metodo di studio, integrando le migliori tecniche di apprendimento e memorizzazione. Questo non ti aiuterà soltanto nei tuoi anni accademici, ma ti darà quella marcia in più che oggi fa la vera differenza in un mondo del lavoro sempre più competitivo e di difficile accesso.
  10. Ritrova ogni volta la tua motivazione. La motivazione non è qualcosa che ti può essere trasmesso dal para-guru di turno. Quel tipo di motivazione è effimera e svanisce 2 giorni dopo aver partecipato al corso da 1.000€. Quello di cui hai davvero bisogno è una motivazione che nasca da dentro, un’incrollabile determinazione a perseguire i tuoi obiettivi più ambiziosi. Immagina dove potresti arrivare nel nuovo anno, imparando ad essere il miglior motivatore di te stesso.
  11. Scopri il segreto per essere felice. Sviluppo personale, raggiungimento degli obiettivi, crescita finanziaria… ma tutti questi paroloni a cosa servono in fondo se non a raggiungere una qualche forma di felicità? Mai come negli ultimi anni la felicità è stata studiata da scienziati e psicologi e, paradossalmente, i risultati che emergono da queste ricerche sembrano puntare tutti nella stessa direzione. Non ti viene il dubbio che tutto quello che hai pensato finora sulla felicità fosse sbagliato? Se nel nuovo anno vuoi essere davvero felice, devi iniziare fin da ora a sfatare alcuni miti sulla felicità e capire quali sono i veri segreti che si nascondono dietro questa emozione umana.
  12. Esci dalla tua zona di comfort. Last, but not least… la zona di comfort. Se ti stai chiedendo come mai negli ultimi anni nulla sia cambiato nella tua vita, nonostante i tuoi sforzi, devi chiederti quante volte sei uscito veramente dalla tua zona di comfort. Quando è stata l’ultima volta che hai appreso una nuova abilità (una lingua, un linguaggio di programmazione, etc.)? Quando è stata l’ultima volta che hai affrontato una tua paura? Quando è stata l’ultima volta che ti sei bruciato le navi alle spalle e ti sei imbarcato in un nuovo progetto? Come puoi solo pensare di cambiare le cose, se continui a ripetere ossessivamente gli stessi errori e le stesse azioni? Ricorda: la tua vita inizia al di là della tua zona di comfort.

il 2012 è stato un anno speciale per EfficaceMente e questo grazie a te. Spero che questo articolo ti sia piaciuto: è il mio modo per esprimerti la mia gratitudine e per augurare buon natale a te e ai tuoi cari.

Andrea

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 135204 iscritti
Sarai dei nostri?
  • Caro Andrea, vorrei riuscire a vivere il nuovo anno efficacemente e compiere tutte le azioni che dici tu, specialmente quella di smettere di preoccuparmi, spesso infatti la preoccupazione diventa paura e ci paralizza! Come dici tu oggi sono anche i media che ci inculcano paura, ma per quello basta spegnere la tv e mettersi davanti al computer. La tendenza alle preoccupazioni deriva da preconcetti che ci sono stati inculcati e dai quali ci risulta difficile staccarci. La tendenza a preoccuparci e’ anche strettamente lagata alla difficoltà di uscire dalla nostra zona di confort! Il mio proposito per l’anno nuovo e’ far partire un nuovo progetto lavorativo e qui di uscire dalla mia zona di confort e mettere al bando tutte le mie preoccupazioni!

  • Caro Andrea sei stato un’ottima guida per tutto il 2012, sia per i tuoi post sempre “ficcanti” e efficaci sia per come hai dimostrato con l’esempio che se hai un progetto e hai il famoso desiderio ardente di realizzarlo nulla può fermarti.
    Auguri per un 2013 ancora più brillante e buone feste :-)

  • Caro Andrea…grazie per i post di quest’anno, per le ottime idee e per la simpatia con cui le trasmetti.
    Io sono di quelli che credono nelle vibrazioni cosmiche..e pensa che stamani per gli auguri volevo proprio iniziare a fare gli auguri e scrivere della gratitudine..
    quindi inizio qui. Grazie e tanti tantissimi auguri!
    Lila

  • EPICO.

  • Enrico

    Grazie Andrea, sei un grande!
    Da oggi comincio una grande maratona culinaria, quindi comincia a preparare il post su come perdere 8 kg in 2 giorni x il nuovo anno ;0)
    Ti auguro un sereno Natale.
    Enrico

  • raffaella

    bellissimo post, come sempre. Mi ha dato la carica giusta per iniziare con sprint il 2013, continuando nel percorso di cambiamento che ho iniziato da quasi 2 anni e che è stato molto, molto faticoso. Ho perso tanto, ma se mi guardo indietro sono sicura di essere più forte e ottimista che mai.

    Ho scoperto da poco il tuo blog e, te lo devo dire, dà dipendenza :-)

    grazie per i tuoi spunti e le riflessioni che condividi con noi.

    buone feste

    Raffaella

  • Fab

    Ciao Andrea,

    ottimo articolo tranne per due punti sui quali non sono d’accordo!!

    1)Relativamente al punto 4) ripeti ciò che hai detto recentemente in passato sul talento e sul cui argomento già avevo detto la mia in un post e Ilaria concordava con me!!

    ( mi sto riferendo all’articolo “Reddito Passivo” )

    E allora un conto è possedere/sviluppare un atteggiamento tignoso nei confronti della vita, un altro conto è applicare la tigna ( determinazione) in un campo in cui il tuo talento è nella media o sotto la media e il relativo mercato è saturo o quasi saturo!!

    Sono due cose completamente diverse!!

    Nonostante tutti gli sforzi del mondo, i risultati non saranno mai eccellenti da poter determinare un successo!!

    E il motivo è abbastanza semplice:

    in quello stesso campo ci saranno persone con talento autentico o con un talento solo superiore alla media ( rispetto al tuo che per esempio è nella media ) che si impegnano quanto te e più di te e quindi le tue probabilità di successo diminuiscono notevolmente per usare un eufemismo!!

    ( Analisi Concorrenza!! Qualsiasi individuo non è il sole e il resto del mondo sono solo i satelliti!!)

    A meno che uno è talmente narciso e pieno di se che ritiene che solo lui si sta impegnando seriamente in quel campo!!

    Ma quello è un problema suo!! Terapia psichiatrica urgente !!

    Ergo:

    Talents + Skills + Passion + Needs = Sweet Spot

    In conclusione, il talento nutrito con costanza da un’autentica passione per ciò che si fa, se serve i bisogni di un mercato (quanto meno decente ) è la combinazione ideale!!

    Per quanto riguarda in particolare:

    “Questo è ancor più vero nel mondo del business”

    Nei tre esempi più significativi che hai riportato a suo tempo nell’articolo “Come fare soldi senza lavorare” ( che lo segnali ora al punto 7 ) ciò non corrisponde minimamente a verità!!

    a)Per quanto riguarda Steve Jobs, ti segnalo un suo mitico discorso:

    You’ve got to find what you love,’ Jobs says

    http://news.stanford.edu/news/2005/june15/jobs-061505.html

    b)Per quanto riguarda Warren Buffett:

    “Money is a by-product of something I like to do very much.” by Warren Buffett

    E se ti vai a studiare la storia personale e di business di Warren Buffett ti accorgerai che ciò è vero al 100% perchè lui amava profondamente la materia per la quale lui stesso diceva che era molto portato!!

    c)Per quanto riguarda Steve Pavlina:

    Passion requires focused direction, and that direction must come from three other areas: your purpose, your talents, and your needs…

    http://www.stevepavlina.com/blog/2005/02/enjoying-the-journey/

    Stesso concetto ( Sweet Spot ) vale anche per tanti altri famosi ( e non ) imprenditori, investitori e professionisti nel mondo del business!!

    Uno su tutti:

    “A business has to be involving, has to be fun, has to exercise your creative instincts” by Richard Branson

    2)Per quanto riguarda il punto 12 “Esci dalla tua zona di comfort” è un concetto che l’industria dello sviluppo personale ripete ossessivamente ma uscire fuori da qualcosa di negativo non è quasi mai un approccio focalizzato su soluzioni positive e quindi molto meglio sarebbe un approccio solution focus ossia ” Getting into your creative zone” che è totalmente diverso!!

    Ovviamente prima di possedere una mentalità autenticamente creativa bisogna studiare per bene un paio di buoni testi sulla creatività e soprattutto fare pratica continua!!

    Non è facile ma a piccoli passi si può fare!!

    Di nuovo auguri di buone feste!!

    Fab

  • Andrea, auguri di un buon fine 2012 e di un buon 2013. Per tutto quanto.

  • GVB1978

    molto utile, grazie…
    :-)
    e buone feste anche a te :-)per un 2013 ancora più sfavillante :-)

  • Matteo

    Auguri Andrea … Buon Anno .. Grazie Per Tutti Gli Articoli Del Anno .. Per tutto .. Buon Natale

  • donato

    Ciao Andrea grazie, di cuore.
    Buon natale.

  • Ando

    Grazie per questo riassuntone Andrea, Buon Natale e Buon Anno Nuovo anche a te!

  • Ringrazio davvero tutti per i commenti: molto apprezzati.
    Purtroppo non riesco a rispondervi singolarmente: qui in montagna sono con una connessione alquanto precaria…

    Buon natale a tutti.

    Andrea.

  • Olimpia

    Grazie Andrea, ricambio un profondo augurio di felice Natale ed un strepitoso inizio del 2013, che possa sempre “assisterci e spronarci”, come con le 12 regole!

  • francesco

    Più che un commento al tuo ennesimo “efficace” articolo, ti volevo augurare buone feste e un buon anno e inoltre volevo ringraziarti per i consigli che ci dispensi. Penso di parlare a nome di tutti se dico che sei una gran bella persona, competente e umile.
    Ancora auguri Andrea!!!

  • *Selene

    Caro Andrea,
    sono una lettrice del tuo blog molto affezionata. Se oggi sento di essere una persona migliore di prima (beh, mi trovo ancora all’inizio del mio percorso di crescita personale, ma ho già raggiunto qualche piccolo traguardo :D ), lo devo anche a te. Per mia natura, ho sempre ricercato il progresso, infatti, una volta scoperto EfficaceMente, ho apprezzato sin da subito i tuoi articoli, proprio perché contenevano riflessioni che avevo già maturato o che comunque condividevo a pieno… ma c’era un problema. Nonostante il tanto pensare a “come migliorarmi”, “come raggiungere la felicità”, “come organizzare meglio il mio tempo” e tanto altro, non avevo mai agito concretamente per dare una svolta totale alla mia vita. Pensa che mi facevo un sacco di seghe mentali inutili anche sul “carpe diem” (o sul “quiedora”, come diresti tu :)…), il che è parecchio contraddittorio xD! Ma tu, con i tuoi articoli, mi hai aiutata a smuovermi da questa angosciante e amletica stasi :) Sai, un conto è capire “come ci si deve comportare”, un’altra cosa è vedere che c’è altra gente come te e più in gamba di te che, partendo da una situazione simile alla tua, è riuscita a cambiare positivamente, a raggiungere obbiettivi importanti e a veder realizzati i propri sogni. Ti fa pensare “Ehi! Se ce l’hanno fatta loro, posso riuscirci anche io :D”… Tu, Andrea, e tutti gli altri lettori del tuo blog, mi avete dato grinta e speranza :) E’ bello scoprire che ci sono delle persone razionali, capaci di autocritica, consapevoli dei propri difetti e desiderose di eliminarli, così coraggiose da riuscire a non farsi assorbire dal grigiore che le circonda e ad agire per il meglio! Ed è stato molto generoso da parte tua condividere esperienze e riflessioni e fare in modo che anche altri potessero fare altrettanto (tramite i commenti)!I tuoi consigli, poi, sono davvero utili (metterò subito in pratica i 12 stratagemmi che hai elencato in questo articolo) e ritengo ancora più validi gli e-book che hai scritto(beh, al momento ho letto solo “Start!”, ma mi è piaciuto molto…sono una povera studentessa universitaria squattrinata: quando riuscirò a mettere da parte qualche soldo, potrò procurarmi anche gli altri)! :)
    E niente…avrei tante cose da dire…ma
    1)Non voglio disturbarti oltre!Goditi la tua vacanza in montagna :)
    2)Si sta facendo tardi e devo andare a dormire, altrimenti domani non riuscirò a studiare per bene(frequento la facoltà di Fisica e gli esami sono alle porte… al momento Natale è un giorno come altri per studiare, purtroppo).
    3)Ci saranno altre occasioni parlare :)

    Buone feste a tutti!

    • Ciao Selene,
      grazie davvero per aver trovato il tempo per lasciarmi un commento così. Molto apprezzato.

      Andrea.

  • fabiola

    Caro André…buon Natale e buone feste. Torno con piacere sul tuo blog anche se meno di prima perché aaarggh sono straimpegnata (e sarai felice di sapere che se sono straimpegnata è anche un po’ colpa tua!). Ma appena posso lo faccio sempre e con un estremo piacere! Hai praticamente riassunto 11 punti su 12 che sto applicando (per carattere – testaccia dura! – o perché ho imparato ad applicarli) far soldi lo posticipo al futuro perché ora proprio ho giusto il tempo per andare a dormire eheh no davvero, mi piace come hai strutturato il blog e mi diverte la tua attività perché si vede lontano un miglio che diverte anche te…è sempre un piacere avere a che fare con un ‘posto’ sano come questo. Riesci a mettere tutti di buon umore ed è cosa rara ultimamente (anche se la gente sembra aver risvegliato l’umorismo con la storia della fine del mondo!) Un bacione, F.

    • Ma che bel commento Fabiola,
      grazie mille!

      In bocca al lupo per i tuoi impegni.

      Alla prossima.
      Andrea.

  • Federica

    Grazie Andrea per questo bell’ articolo e grazie per tutti gli articoli che scrivi per noi ogni volta. Sei fonte di ispirazione. Ti auguro un sereno Natale, Federica

  • Giuseppe

    Auguri di Buon Natale, Andrea!
    A presto,
    G.

  • Angela

    Questo articolo me lo stampo e me lo appendo al lavoro, in camera mia… ovunque!
    Davvero utile… grazie pr il regalo e buone feste e buon 2013 anche a te!

    Visto che i maya hanno cannato usiamo bene questo nuovo anno!!!!

  • Daniele

    Il tuo articolo mi ha fatto riflettere molto! Un grazie di cuore e un Ottimo 2013.

  • Un lettore

    solo GRAZIE ancora
    per tutto.
    Buon anno nuovo.

  • Ambrosia

    Mi unisco anche io ai tanti auguri e complimenti -meritatissimi- che hai già ricevuto.
    Originale e molto utile l’impostazione dell’articolo: sia per chi avesse bisogno di un reminder, che per chi volesse farne un punto di… “Start!” (e non è detto che le due cose non coincidano).
    Ossequi.

  • Ciao Andrea, complimenti per la lista ma credo che dovevano essere 13 i punti, manca la SALUTE, il esercizio fisico…

    Muovere il cu** dalla sedia fa bene per dare al corpo quel vigore che rinfresca la mente, la alleggerisce da stress e di conseguenza favorisce e facilità molto la realizzazione di tutti i punti della tua lista.

    Poi c’è anche il rovescio della medaglia, per avere la salute, per muovere il cu** sono essenziali molti punti della tua lista…motivazione, resilienza, tigna, procrastinare…

    Saluti Stella

    • Ciao,
      concordo assolutamente sul discorso attività fisica, ma spesso se non facciamo attività fisica dipende da altri fattori: stiamo procrastinando, non ci stiamo mettendo abbastanza tigna o non siamo motivati. Per cui, a mio avviso, è importante lavorare innanzitutto su questi aspetti.

      A presto,
      Andrea.

      Ps. Utilizzare una keyword come nome nei commenti è una pessima strategia SEO ed è considerato scortese da molti blogger. ;-)

      • Per fortuna tu sei cortese e mi hai lasciato fare…
        Cmq grazie del avviso, non lo sapevo, non lo faro più, promesso.

        Ti Auguro un Buon 2013…Ciao Stella

  • Antonio

    Andrea, auguri per il tuo compleanno, e ti auguro anche un buon anno all’insegna di “sommelier-news.com”

  • Grazie per aver cancellato il mio commento anche se mi sono scusata della keywords nel titolo…

    Va be, si vede che e cosi che gira il mondo, peccato.

    Auguri Stella

    • Ciao Stella, mi spiace tu abbia pensato che avessi cancellato il tuo commento: ho molto rispetto per i lettori del blog ed in particolare modo per chi contribuisce ad arricchirlo con i suoi commenti.

      In questi giorni stavo testando un nuovo sistema di visualizzazione dei commenti, che segmentava gruppi di max 20 commenti per pagina (serve a velocizzare il caricamento dell’articolo). Per ritrovare il tuo commento era sufficiente cliccare su “commenti successivi”. Comunque ho deciso di ritornare alla visualizzazione classica, proprio per evitare che si perdano pezzi importanti della discussione.

      A presto,
      Andrea.

  • Ilie Aurel

    Ciao Andrea,

    Seguo molto volentieri il tuo blog, io stesso insegno queste cose a più persone possibili. Il successo è un insieme di buone abitudini e corretto modo di pensare ed non è quindi riservato a pochi eletti.
    Grazie mille per questa carrellata utilissima!

    Un saluto,

    Ilie Aurel Palmaccio

  • VICTOR

    mi ha colpito il punto 12

  • Valerio

    “Dicono che la cronologia è l’ossatura della storia; e si può ammettere. Ma bisogna anche ammettere che ci sono quattro o cinque date fondamentali, che ogni persona per bene conserva conficcate nel cervello, che hanno giocato dei brutti tiri alla storia. Sono anch’essi capodanni. Il capodanno della storia romana, o del Medioevo, o dell’età moderna. E sono diventati cosí invadenti e cosí fossilizzanti che ci sorprendiamo noi stessi a pensare talvolta che la vita in Italia sia incominciata nel 752, e che il 1490 0 il 1492 siano come montagne che l’umanità ha valicato di colpo ritrovandosi in un nuovo mondo, entrando in una nuova vita. Cosí la data diventa un ingombro, un parapetto che impedisce di vedere che la storia continua a svolgersi con la stessa linea fondamentale immutata, senza bruschi arresti, come quando al cinematografo si strappa il film e si ha un intervallo di luce abbarbagliante.

    Perciò odio il capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno.”

    • Bella Valerio,
      di chi è questa citazione?

      Andrea.

      • Valerio

        Antonio Gramsci

  • Claire

    Ti seguo da un po’, dapprima solo in silenzio, ma questa meraviglia me la ero persa!
    Evviva i 12 passi, carino il riferimento.
    E notevoli i passi, un bel concentrato di EfficaMente!
    Se su quasi ogni punto potrei dirti “lo sapevo”, di una cosa ti sono effettivaMente grata … per la gratitudine. E’ grazie a te che ho imparato a praticarla quotidianamente e per quanto io di mio sia una persona positiva … hai ragione, cambia le prospettive, sono cambiata io e sto decisamente meglio.
    Sugli altri 11 si continua a lavorare =)

  • Sabrina

    Ciao Andrea..vorrei tanto avere un tuo parere sulla mia attuale situazione.. Sono una tua assidua lettrice di tutti gli articoli che riguardano la motivazione e la crescita personale..mi spronano molto anche se mi incarto sempre nello stesso ostacolo.. Diciamo che tutti i miei obiettivi..sono riconducibili ad uno solo: la costanza.. È questa che ricerco disperatamente in ogni campo della mia vita.. Diciamo che se dovessi dividere la mia vita in settori da gestire questi sarebbero: lavoro, università e casa. Quest’ ultimo si divide in altri piccoli settori come pulizie, cucinare ecc.. Il mio problema principale fino a poco tempo fa era non riuscire a dedicarmi un poco ad ogni cosa ma solo ad una intensamente..quindi irrimediabilmente mi capitava che se avevo la casa che brillava, non studiavo e mangiavo solo panini; se studiavo trascuravo la casa ecc.. Poi ho scoperto il tuo blog e ho migliorato notevolmente la gestione del tempo..ho imparato a pianificare e distribuire le attività in modo da fare ogni giorno un poco di tutto. Funzionava alla grande.. Solo che presto è subentrato un senso di frustrazione immenso, mi sentivo soffocare a sapere la giornata già pianificata..il pensiero ricorrente era ‘chi me lo fa fare’… Ora oscillo in periodi in cui non programmo e mi sento inadeguata perchè non riesco a gestire niente e periodi in cui programmo, gestisco tutto ma mi sento frustrata perchè fare poco ogni giorno significa però appunto impegnarsi ogni giorno, è faticoso e mi chiedo appunto chi me lo fa fare.. Ti è mai capitato?

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide